venerdì 1 novembre 2019

Casi difficili

Ieri ho speso gran parte della giornata operatoria con un singolo paziente.
Si trattava di una bruttissima frattura del femore distale e della tibia prossimale.
La frattura era vecchia di sei mesi ed era in fissatore esterno per il fatto che all'inizio si trattava di una frattura esposta.
A complicare ulteriormente le cose si aggiunge il fatto che il paziente è diabetico e ci abbiamo messo giorni a stabilizzarlo.
Tolto il fissatore esterno ci siamo accorti che il ginocchio era totalmente rigido..
Le forti aderenze ed il fatto che la frattura di femore fosse anche percondiloidea ha reso tutto molto difficile.
Mi sono disperato più di una volta e mi sono dato dello scemo per averci provato.
Ma poi alla fine ci siamo riusciti e mi sono guadagnato anche i complimenti del Dr Zirkle che ha apprezzato il risultato finale in un caso così complesso.
Questa doppia frattura ha anche chiuso i casi operatori del mese di ottobre, e, nonostante le piogge ed i lavori nei campi, abbiamo nuovamente superato i cento interventi chirurgici mensili.


So che possiamo fare di più; vorrei fare di più; ma considerando la situazione che ho trovato quando sono arrivato in questo ospedale, di passi avanti se ne sono fatti.

Fr Beppe


Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento.

POST IN EVIDENZA

Salutare Pietro

...è sempre molto difficile! Una lascrimuccia mi sale agli occhi quando Pietro sale in macchina per andare all'aeroporto di Nairobi, ...